Hugh Hefner (Chicago, 9 aprile 1926 – Los Angeles, 27 settembre 2017), il fondatore di Playboy, la rivista erotica più famosa al mondo, è morto ieri a 91 anni, nella sua casa vicino a Beverly Hills, la celebre “Playboy Mansion”. La notizia è stata data dalla sua società, la Playboy Enterprises.

Hefner non fu un semplice fondatore e direttore di un giornale: era un famoso personaggio pubblico, a lungo considerato controverso e “di rottura”, e la sua immagine coincideva con quella di Playboy, entrambi simbolo della rivoluzione sessuale, dell’edonismo e del consumismo, insieme al rifiuto del perbenismo borghese americano, del moralismo, dell’intolleranza. Negli anni, scrive il New York Times, Hefner e Playboy «sono diventati entrambi volgari, adolescenziali, sfruttatori, e anacronistici», ma quando Hefner lo fondò nel dicembre del 1953, con una foto di Marilyn Monroe in copertina, i tempi non aspettavano altro.