Dopo aver scoperto che in Sicilia si trova il vino più antico del mondo a Sciacca e Caltagirone, un’altra sorprendente scoperta arricchisce la storia della nostra Isola: risale a oltre 4.000 anni fa, come indicano i resti trovati in una giara di ceramica e in altri frammenti di terracotta rinvenuti negli anni ’90 in Sicilia, a Castelluccio di Noto, in provincia di Siracusa,  l’olio d’oliva più antico del mondo. Finora le altre tracce antiche dell’olio d’oliva erano state individuate in alcuni vasi scoperti a Cosenza e a Lecce e risalenti al XII e XI secolo a.C.

I frammenti sono stati analizzati soltanto adesso dal gruppo del ricercatore italiano, Davide Tanasi, che lavora nell’americana University of South Florida, e che ha pubblicato il risultato sulla rivista Analytical Methods.

I ricercatori hanno individuato tracce di acidi oleico e linoleico, che sono le firme dell’olio d’oliva, in alcuni frammenti di terracotta e in una giara in ceramica rinvenuti oltre 20 anni fa, risalente all’età del Bronzo e in particolare al periodo compreso tra la fine del 3.000 a.C e l’inizio del 2.000 a.C.

Tutti i resti, rinvenuti durante gli scavi,  sono conservati nel Museo Archeologico di Siracusa dove negli ultimi anni sono stati restaurati e riassemblati. I restauratori del museo hanno così ricostruito completamente la giara in ceramica (ottenuta ricomponendo 400 frammenti), alta un metro, dalla forma simile a quella di un uovo, con tre maniglie sui lati e contenente al suo interno residui di sostanze organiche. Nello stesso sito erano stati trovati anche i frammenti di altri due contenitori in terracotta, contenenti anch’essi tracce di sostanze organiche e per identificare la natura di queste sostanze, i ricercatori, adesso, hanno analizzato chimicamente i resti.

Continua a leggere cliccando qui.