Otto anni fa ci lasciava Whitney Houston

L’11 febbraio 2012 viene ritrovato il corpo senza vita di Whitney Houston in un hotel di Beverly Hills. Al momento del decesso, provocato da annegamento, disturbi cardiaci ed overdose di droghe, la cantante aveva solo 48 anni.

A distanza di 8 anni dal decesso, Whitney Houston  è considerata una delle cantanti più influenti della storia della musica, con 200 milioni di dischi venduti, sei Grammy Awards e ben 22 American Music Awards vinti.

Nata a Newark il 9 agosto 1963, Whitney Elizabeth Houston iniziò a cantare nelle chiese del New Jersey. A scoprirla fu Clive Davis, uno dei nomi più influenti della storia della discografia. Nel 1985 pubblicò il suo disco d’esordio “Whitney Houston”, da cui furono estratti brani come “How Will I Know”, e “Greatest Love of All”. L’artista ottenne un clamoroso successo, anche con i successivi album “Whitney” (1987) e “I’m your baby tonight”(1990).

La consacrazione definitiva arrivò nel 1992: Witney Houston approdò al cinema con “The Bodyguard”. Grazie al successo del film e della canzone “I will always love you”, che faceva parte della colonna sonora.

Nel 1998 pubblica l’album “My love is your love” (1998) e nel 2000 un primo “Greatest Hits”, contenente i suoi maggiori successi.

Metà duemila per Whitney Houston furono il disastro. Il matrimonio con Bobby Brown, da cui avrebbe divorziato nel 2006, e i problemi con la droga che la portarono purtroppo alla morte.

Autore: Carmelo Scalisi

Condivi su