Truffati i fan di Vasco. Venduti falsi ticket sul web

Loro, ignari di tutto,avevano acquistato i biglietti per il concerto del loro rocker preferito, Vasco Rossi. Ma arrivati in biglietteria avevano scoperto di essere stati truffati. È successo ad oltre 1400 fan del “Blasco”,beffati da un gruppo di cyber-criminali (denunciate sei persone) che ha clonato il sito di una grossa agenzia di vendita di ticket online. Così la polizia ha smascherato la truffa, che risale al 2018. Dopo il concerto “Modena Park” del 2017, Vasco Rossi era tornato negli stadi italiani con il tour “Non stop live 2018”, con 10 tappe per un totale di 455.000 spettatori.

Per molti fan, però, gli eventi hanno riservato una terribile sorpresa: dopo mesi di attesa, infatti, hanno scoperto che non vi era alcuna biglietteria dove poter ritirare il ticket acquistato molto tempo prima su Internet. I fan, indotti in errore dalla denominazione dei siti,hanno creduto di trovarsi sul sito ufficiale gestito dalla Best Union Company Spa, società bolognese titolare del sito internet Vivaticket.it, quando hanno effettuato il pagamento (come indicato dal sito) per il biglietto. Il giorno del concerto, avendo nel frattempo ricevuto – tramite corriere – il qrcode per il ritiro, hanno capito che ai varchi non vi era alcuna biglietteria e che il codice in loro possesso non era valido.

La Best Union Company, unica società autorizzata a vendere i biglietti per il concerto dell’artista di Zocca, dopo aver ricevuto centinaia di segnalazioni dai fan beffati, ha denunciato tutto e fatto partire le indagini.

Autore: Carmelo Scalisi

Condivi su