Tutti al mare, ma niente parmigiana, cannelloni e pasta al forno

Tutti al mare per le tanto agognate ferie; per la voglia di divertimento o per il desiderio di avere la pelle abbronzata, ma anche un’abbuffata in spiaggia: un classico a cui molti non rinunciano.

Succedeva negli anni 80: all’ora di pranzo le spiagge si trasformavano in enormi “Home Restaurant”. Sedie, tavoli ed enormi zuppiere di supplì e peperoni fritti, tonnellate di cannelloni, pasta la forno e quintali di parmigiana, un ricordo che ci strappa un sorriso di un tempo che non c’è più, per fortuna. Quei pochi che continuano a fare uno spuntino in spiaggia hanno cambiato le abitudini alimentari, secondo uno studio della Coldiretti il piatto da spiaggia è il riso.

Chi mai quel giorno avrebbe detto che, anche noi meridionali, ci saremmo trasformati in mangiatori di riso da spiaggia? La suddetta insalata di riso, come risulta infatti da un’indagine della Coldiretti/Ixe’, è in testa nella classifica dei menu balneari con ben il 28 per cento di estimatori, surclassando le classiche goduriose lasagne (solo al 6 per cento). Segue col 20 per cento la macedonia di frutta, mentre la caprese — quella a base di pomodoro e mozzarella, non certo il favoloso dolce omonimo — è un must per il 18 per cento degli spiaggiati.

Autore: Redazione

Condivi su