Un San Valentino…sdrammaticato

Perchè se è vero che un bacio è un’apostrofo rosa tra le parole «t’amo» (Edmond Rostand), mettere l’apostrofo al posto sbagliato può far saltare i piani anche del don Giovanni più “scafato” e magari inorridire la propria amata.

Dai primi battiti del cuore, di inizio storia, «mi sto innamondo di te» alla triste fine «adio pupa, tio amato»: la parabola di una storia d’amore nelle scritte “zoppicanti” sui muri.

 Dalla pagina Facebook «Amori grammaticalmente scorretti»

Cliccate sulle foto per gustarvi il tutto 🙂

 

Autore: Carmelo Scalisi

Condivi su