site loader
site loader
30 Novembre 2021 Via parola “Natale” in comunicazioni Ue

“Ogni persona in Ue ha il diritto di essere trattato in maniera uguale” senza riferimenti di “genere, etnia, razza religione, disabilità, orientamento sessuale”. Lo scrive Bruxelles nelle nuove linee “per una corretta comunicazione”. “Devono sparire miss e mrs, sostituite da un generico ms. Le festività non dovranno più essere riferite a connotazioni religiose, come il Natale, ma citate in maniera generica. Si dovrà dire, ad esempio, le festività sono stressanti e non più il Natale è stressante”.